Limone e Liquirizia

Focaccia con Farina di Grano Saraceno e Cipolle Rosse di Tropea

 

Focaccia con Farina di Grano Saraceno e Cipolle Rosse di Tropea
La Cipolla di Tropea; meraviglioso ortaggio originario della Calabria dal sapore dolce, delizioso, talmente buona che si dica la Regina Elisabetta ogni anno se ne faccia mandare una bella scorta. In realtà si dovrebbe chiamare Cipolla di Nicotera o Amantea le due località dove viene effettivamente coltivata, il nome di Tropea lo prende dalla stazione da cui partiva per essere poi distribuita in altri luoghi. Questo bulbo oltre ad avere delle grandi proprietà benefiche essendo un antisclerotico e quindi portare beneficio al cuore e alle arterie è uno degli aromi più utilizzati nelle cucine di tutto il mondo. Ottima per realizzare zuppe, frittate, marmellate e altro ancora. In questa ricetta la troviamo protagonista in una focaccia dal gusto un pò particolare per l'utilizzo della farina di grano saraceno.
Write a review
Print
Ingredienti per realizzare due focacce da 34 cm di diametro
  1. 300 g di Farina Integrale di Grano Saraceno
  2. 450 g di Farina Tipo 1
  3. 1 Cucchiaino di Sale
  4. 17 g di Lievito di Birra
  5. 100 ml di Olio evo
  6. 250 g di Cipolle Rosse di Tropea
  7. 3 Rametti di Timo fresco
  8. 450 ml circa di acqua a temperatura ambiente
  9. 4 Cucchiai di Aceto di Vino Bianco
  10. q.b. di Olio evo e Sale per condire le Cipolle
  11. q.b. di Sale Grosso
Procedimento
  1. In una ciotola setacciate le farine e il sale, create una fontana ed inserite al centro il lievito sbriciolato, 80 ml di olio, 100 g di cipolle affettate finemente e 2 rametti di timo fresco.
  2. Iniziate ad amalgamare e quando il composto assumerà un aspetto sbriciolato versate l'acqua poco alla volta. Mescolate fino ad ottenere un composto omogeneo.
  3. Trasferite l'impasto ottenuto sulla spianatoia e lavorate energicamente per qualche minuto.
  4. Oliate una terrina, adagiatevi l'impasto e fate lievitare fino al raddoppio-1 ora e mezzo circa.
  5. Trascorso il tempo, prendete l'impasto in mano , sgonfiatelo leggermente per togliere l'aria, dividetelo a metà e adagiatelo sui stampi leggermente untati. Stendete con le mani, coprite con un panno e lasciate lievitare ancora per 30 minuti.
  6. Scoprite l'impasto e formate con le dita dei piccoli buchi, versate l'olio rimasto affinché vada nelle piccole pozze e spolverizzate con il sale grosso. Coprite ancora e fate lievitare di nuovo per 30 minuti.
  7. Cuocete in forno preriscaldato a 200 ° per circa 20 minuti o comunque fino a doratura.
  8. Nel frattempo affettate le restanti cipolle e fatele appassire in padella per circa 20 minuti insieme all'aceto, a 4 cucchiai di acqua, un pizzico di sale, un filo di olio e il timo restante.
  9. Sfornate, fate intiepidire e al momento di servire coprite con le cipolle calde cotte in padella.
  10. Naturalmente i tempi di lievitazione possono variare a secondo della temperatura esterna.
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/

Torta di Frolla Ripiena con Crema Pasticcera, Amaretti e Pesche Sciroppate

Torte | 23 settembre 2016 | By

 

 

 

 

 

Torta di Frolla Ripiena con Crema Pasticcera, Amaretti e Pesche Sciroppate
Ciò che rende speciale questa torta è sicuramente il profumo che ci regalano gli amaretti. Abbinati ad una frolla croccante, una crema vellutata e il sapore unico delle pesche sciroppate, ne esce un connubio goloso e aromatico. Questi biscotti originari della città di Saronno sono semplicemente realizzati con tre ingredienti: zucchero, albume e armelline. Quest'ultime sono il seme interno del nocciolo dell'albicocca o della pesca. Hanno un retrogusto amarognolo e in genere il loro uso è limitato nella pasticceria come essenza per aromatizzare in quanto contengono amigdalina, una sostanza che se consumata in alte dosi risulta tossica. Pertanto mangiatele con parsimonia mi raccomando.
Write a review
Print
Ingredienti per uno stampo da 26 cm di diametro
Ingredienti per la Frolla
  1. 500 g di Farina 0
  2. 200 g di Zucchero semolato
  3. 200 g di Burro a temperatura ambiente
  4. 2 Uova intere
  5. 10 g di Lievito per dolci
  6. Semi di 1/2 Baca di Vaniglia
  7. 1/2 Limone spremuto
Ingredienti per la Crema Pasticcera
  1. 2 Tuorli
  2. 1 Uovo intero
  3. 60 g di Farina 0
  4. 20 g di Fecola di Patate
  5. 1/2 Litro di Latte fresco
  6. Succo e Scorza grattugiata di 1/2 limone non trattato
  7. 150 g di Zucchero
  8. Semi di mezza Bacca di Vaniglia
Ingredienti per il Ripieno
  1. 650 g di Pesche Sciroppate sgocciolate e tamponate con carta da cucina ( questo procedimento è importante per far si che la frolla non si inumidisca eccessivamente )
  2. 120 g di Amaretti Sbriciolati
  3. Vi occorre inoltre Zucchero a Velo per decorare
Preparazione
Procedimento per realizzare la Frolla
  1. Su una spianatoia miscelare la farina setacciata con lo zucchero, il lievito e i semi di vaniglia.
  2. Inserire il burro a pezzettini e amalgamare. Otterrete un impasto piuttosto sabbioso, unite ora le uova e a seguire il limone spremuto.
  3. Lavorate velocemente, coprite con pellicola e lasciate riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.
Procedimento per realizzare la Crema Pasticcera
  1. In una ciotola montate le uova, i tuorli e lo zucchero usando se possibile una frusta elettrica.
  2. Aggiungete poi la farina e la fecola setacciate, continuate ora a mescolare con una frusta manuale e infine unite la scorza e il succo del limone.
  3. Quando il composto risulta omogeneo versate a filo il latte ben caldo a cui avrete unito la bacca di vaniglia.
  4. Ponete sul fuoco e continuate a mescolare fino a quando la crema non sarà pronta.
  5. Coprite subito con della pellicola a contatto e lasciate raffreddare.
Procedimento per realizzare la torta
  1. Prendete l'impasto della frolla dal frigo e su un piano di lavoro lavorate per qualche secondo.
  2. Stendete fino a formare un disco dello spessore di 3 millimetri circa.
  3. Imburrate lo stampo, arrotolate la frolla sul mattarello e srotolatela sullo stampo. Fate aderire bene il fondo e i bordi pressando con le dita ed eliminate la pasta in eccesso che userete per realizzare la copertura superiore.
  4. Bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta e versate la crema livellandola su tutta la superficie.
  5. Cospargete gli amaretti sbriciolati e terminate mettendo le pesche sciroppate a giro.
  6. Prendete la frolla avanzata, ottenete con il mattarello un disco e chiudete la torta.
  7. Infornate a 180° in forno preriscaldato per circa 40 minuti o comunque fino a doratura.
  8. Sfornate, fate raffreddare e spolverizzate con lo zucchero a velo.
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/

Cosce di Coniglio in Padella con Battuto di Pancetta

 

Cosce di Coniglio in Padella con Battuto di Pancetta
Ahhhhhhhh......le Mammeeeeeeee !!! Ogni volta che vado a trovarla torno sempre con la macchina Super carica ☺☺ Ma questo lo hai preso ? Le uova fresche ti occorrono ? Hai fatto spazio nel congelatore che ho tante di quelle cose da darti ? 😀 Prendi la parmigiana che ne ho fatta di fresca ieri con i pomodori belli maturi....e le lasagne le hai già messe in macchina ? 😵 Aspetta che devo darti il pollo, il Coniglio 😱 Mamma basta grazie, devi affaticarti di meno che io faccio da sola. Ma io Angelo mio se non lo faccio per voi per chi lo faccio !!!! No Mamma l' Angelo sei tu....Ti Voglio Bene 💟💟
Write a review
Print
Ingredienti
  1. 4 Cosce grandi di Coniglio
  2. 4 Fette di Pancetta arrotolata
  3. 20 Pomodorini Pachino maturi
  4. 20 Olive Nere denocciollate
  5. 150 ml di Birra chiara
  6. 2 spicchi di aglio
  7. 2 rametti di rosmarino
  8. Peperoncino
  9. Olio evo
  10. Sale e Pepe
Procedimento
  1. Preparate il battuto; tritate finemente un rametto di rosmarino e uno spicchio d'aglio, poi passate alla pancetta riducendola a pezzettini sottili. Unite gli ingredienti e batteteli a coltello fino a raggiungere la consistenza di una crema. Per questa operazione vi consiglio di utilizzare il dorso del coltello e non la lama, passandola se volete sotto acqua calda, questo farà in modo che la pancetta si sciolga prima.
  2. Praticate ora delle incisioni sulle cosce del coniglio, meglio se lungo il filo della muscolatura e inserite all'interno il battuto ottenuto. Lasciate da parte.
  3. Lavate e asciugate i pachino, divideteli in quattro parti ed eliminate polpa e semi.
  4. Fate scaldare in una casseruola un filo di olio e mettetevi a rosolare la carne lasciandola dorare da ogni parte, poi sfumate con la birra. Lasciate evaporare. Aggiungete quindi i pomodorini, le olive, uno spicchio d'aglio in camicia, un rametto di rosmarino, il peperoncino e condite con sale e pepe. Coprite e cuocete a fiamma bassa per circa un'ora aggiungendo dell'acqua calda se necessaria al fondo di cottura. Il tempo di cottura dipende dallo spessore delle cosce, il mio essendo un coniglio nostrano era piuttosto grande. Un consiglio per chi non amasse l' odore della carne del coniglio; può prima della cottura strofinare la pelle con un po' di acqua mischiata con dell' aceto di vino bianco.
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/