Limone e Liquirizia

Fagioli alla Messicana

 

Fagioli alla Messicana
I Fagioli alla Messicana sono un piatto tipico del centro America. Vengono realizzati con il fagiolo nero originario dell'India, legume ricco di antiossidanti. Questa tipologia di Fagiolo viene consumata in cucina bollito oppure sotto forma di farina per cucinare le Papadum una sorta di focaccia croccante, usata come snack nella cucina Indiana. E' un piatto saporito e molto gustoso, amo prepararlo in questo periodo dell'anno perché è mia usanza accompagnarlo con delle bruschette di pane condite con l'olio nuovo.
Write a review
Print
Ingredienti
  1. 500 g di Fagioli Neri secchi
  2. 300 g Passata di Pomodoro
  3. 1 Spicchio di Aglio
  4. 2 Cipolle Dorate
  5. 1 Peperoncino Fresco
  6. 3 Salsicce fresche di Maiale
  7. Sale e Pepe q.b.
  8. Olio e.v.o.
Preparazione
  1. Mettete in ammollo i Fagioli Neri per una notte intera in acqua fredda.
  2. Sciacquate e scolate.
  3. Trasferite i Fagioli in una pentola con abbondante acqua salata e portate quasi a cottura.
  4. In una casseruola capiente fate soffriggere l'olio, l'aglio sminuzzato, il peperoncino e la cipolla tritata finemente.
  5. Nel frattempo private la salsiccia della propria pelle e unite sbriciolata agli altri ingredienti solo quando la cipolla sarà dorata.
  6. Cuocete per 10 minuti a fuoco lento.
  7. Unite ora la passata di pomodoro, aggiustate di sale e pepe e fate cuocere per qualche minuto.
  8. Infine aggiungete i fagioli scolati e portate a cottura aggiungendo acqua calda se necessaria.
  9. Serviteli nei cocci e accompagnate se volete con del pane abbruscato.
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/

Lumachella Orvietana

 

 

 

Lumachella Orvietana
Questa ricetta è una Bontà della mia città di origine. E' un impasto simile a quello del pane ma arricchito dai salumi e dai formaggi. Farle mi riporta indietro nel tempo a quando salendo su una sedia aiutavo mamma a fare le chiocciole. Per noi era una sorta di svuota frigo, in quanto era usuale inserire all'interno tutti i pezzetti di formaggio rimasti e il prosciutto vicino all'osso che non era più possibile tagliare a fettine. Io naturalmente ho modificato la ricetta a mio piacimento e spero anche al vostro.
Write a review
Print
Ingredienti
  1. 850 g di Farina tipo 1 macinata a pietra
  2. 120 g di Prosciutto crudo a piccoli cubetti
  3. 100 d di Salame a piccoli cubetti
  4. 120 g di Pecorino Romano a piccoli cubetti
  5. 100 g di Caciotta fresca a piccoli cubetti
  6. 50 g di Pecorino romano grattugiato
  7. 50 g di Parmigiano Reggiano grattugiato
  8. 20 g di Lievito di Birra
  9. 1 Cucchiaino di Zucchero
  10. 1 Cucchiaino raso di Pepe nero
  11. 1 Cucchiaino colmo di Sale
  12. 3 Cucchiai di Olio di Girasole
  13. 10 Cucchiai di Latte
  14. Acqua q.b.
  15. Tuorlo d'uovo e latte per lucidare q.b.
Preparazione
  1. In un bicchiere fate sciogliere il lievito e lo zucchero in poca acqua e fate riposare per 20/25 minuti.
  2. In una planetaria o su un piano di lavoro miscelate la farina al sale, aggiungete i salumi e i formaggi sia tagliati a cubetti che grattugiati, il pepe, l'olio di girasole, il latte e il lievito.
  3. Iniziate ad impastare e gradualmente unite l'acqua ( se avete un termometro da cucina considerate che la temperatura idonea dell'acqua deve essere di 25° )
  4. Impastate fino a quando l'impasto sarà liscio ed omogeneo, dopo di che trasferitelo in una ciotola oliata e coprite con un panno. Lasciate lievitare fino al raddoppio.
  5. A lievitazione avvenuta trasferite il vostro impasto sul piano di lavoro infarinato, sgonfiate leggermente e fate delle pezzature da 90 g cadauna. E' importante che le pezzature abbiano tutte lo stesso peso affinché la cottura sia omogenea.
  6. Stendete ogni pallina formando dei bastoncini dello spessore di circa un centimetro e formate le lumachelle disponendo il bastoncino a spirale.
  7. Trasferitele su una placca rivestita con carta da forno e coprite per l'ultima lievitazione. ( circa 35/40 minuti )
  8. Spennellate ora ogni lumachella con un’emulsione a base di tuorlo d'uovo e latte per avere un aspetto finale lucido e cuocete in forno preriscaldato a 220° C per circa 20/25 minuti o comunque fino a doratura
  9. Sfornate e fate raffreddare su una griglia.
  10. E' ovvio che i tempi di lievitazione saranno variabili in base alla temperatura esterna ( quella ideale è di circa 28° C che possiamo raggiungere nel forno con luce accesa) e quelli di cottura in base alla pezzatura e al tipo di forno
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/

Insalata di Rucola, Pinoli, Noci, Pere e scaglie di Parmigiano

 

 

Insalata di Rucola, Pinoli, Noci, Pere e scaglie di Parmigiano
Buongiorno a tutti. Oggi è lunedi e come tutti gli inizio settimana sono giornate all' insegna del mangiar leggero. Almeno per me è sempre così, nel week-end si sa qualche strappo alla regola lo si fa sempre !!! 😉 Ma mangiar leggero non significa senza gusto, ecco perché vi invito a realizzare questa insalata. Leggera, sfiziosa, semplice ma originale. Diversi sapori che uniti insieme sono una esplosione di bontà.
Write a review
Print
Ingredienti per 4 ps
  1. 150 g di Rucola
  2. 50 g di Pinoli
  3. 60 g gherigli di Noci
  4. 1 Pera Abate
  5. 80 g scaglie di Parmigiano reggiano
  6. Olio e.v.o.
  7. Sale q.b.
  8. Aceto Balsamico q.b.
Preparazione
  1. Lavate e asciugate la Rucola.
  2. Proseguite nel sbucciare la pera e tagliarla a piccoli cubetti.
  3. Prendete un piatto da portata e create un letto con le foglie di rucola intere, aggiungete i cubetti di pera, i pinoli, i gherigli di noci spezzettati e completate con le scaglie di parmigiano.
  4. Condite con olio, sale e aceto balsamico
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/

Mostarda di Pomodori Verdi con Zenzero e Senape in polvere.

Conserve | 20 ottobre 2016 | By

 

 

Mostarda di Pomodori Verdi con Zenzero e Senape in polvere.
Buongiorno carissimi, oggi vi propongo una Mostarda di Pomodori Verdi con Zenzero e Senape in polvere. Mi sono innamorata di questa mostarda grazie a Luisa, titolare di un ristorante in cui ho avuto il piacere di andare a mangiare qualche giorno fa. Servita accompagnata da un ciuffo di ricotta condita con alchermes e una spolverata di cannella in polvere, era qualcosa di veramente divino. Per mia fortuna mia madre non aveva ancora tolto le piante di pomodoro dall' orto, pertanto ho raccolto tutti quei pomodori verdi che ormai non si sarebbero più maturati. Ora sono in questi barattolini da riporre in credenza e far riposare per almeno un mese, almeno così mi diceva la mia amica cuoca. È ideale da accompagnare a formaggi freschi.
Write a review
Print
Ingredienti
  1. 2,5 kg di Pomodori Verdi
  2. 1,5 kg di Zucchero Semolato
  3. 3 Limoni non Trattati
  4. 40 g Radice di zenzero Grattugiata
  5. 2 Cucchiaini Rasi di Senape in Polvere
Preparazione
  1. Lavate i pomodori verdi sotto acqua fredda corrente per poi asciugarli con un panno da cucina. Con un coltello affilato privateli del picciolo e tagliateli a metà. Eliminate polpa e semi e poi riduceteli a piccole striscioline per il senso della lunghezza. Riponete in una ciotola capiente, aggiungete lo zucchero, il succo e la scorza grattugiata di due limoni e lo zenzero. Mescolate, coprite con pellicola e lasciate macerare in frigo per una notte intera.
  2. La mattina seguente versate il composto in una pentola dal fondo pesante e portate ad ebollizione. Da questo momento fate cuocere per 1 ora girando spesso la composta, aggiungete ora la scorza del terzo limone tagliata a julienne e proseguite la cottura per altri sessanta minuti o comunque fino a quando la mostarda avrà raggiunto un colore brunito e i pomodori saranno leggermente caramellati.
  3. Prendete ora la senape in polvere e versatela nella mostarda, girate velocemente e togliete dal fuoco.
  4. Versate ancora bollente in vasi sterilizzati, chiudete, capovolgete affinché avvenga il sottovuoto e lasciate raffreddare.
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/

Pane Integrale con Uvetta e Noci

 

 

Pane Integrale con Uvetta e Noci
Certe volte per migliorare una giornata mi basta infilare un grembiule, vedere gli ingredienti che ho in casa, abbinarli, cuocerli e sentire il profumo di qualcosa di nuovo, di caldo. Era da qualche giorno che avevo voglia di un pane fatto in casa diverso dal solito. Il mio è con il lievito di birra ma naturalmente ognuno di voi può sostituirlo con il lievito madre o il lievito che più desidera. Così come la farina; ne ho usata una integrale e in sincerità vi consiglio di prenderne una buona e di qualità. Perché la farina è tutto in un pane, soprattutto quando come in questo caso deve essere abbinata a determinati ingredienti. Allora buon lavoro e spero vi divertiate insieme a me !!
Write a review
Print
Ingredienti
  1. 1 kg di Farina Integrale
  2. 180 g di Uvetta Sultanina
  3. 150 g di Gherigli di Noce
  4. 20 g di Lievito di birra
  5. 1 Cucchiaino di Zucchero
  6. 1 Cucchiaino di Sale
  7. 2 Cucchiai di Olio e.v.o.
  8. 1 Cucchiaino colmo di Cacao Amaro
  9. Acqua q.b.
Preparazione
  1. In un bicchiere fate sciogliere il lievito e lo zucchero in poca acqua e fate riposare per 20/25 minuti.
  2. Nel frattempo mettete in ammollo l'uva sultanina in un recipiente con acqua fredda.
  3. In una planetaria o su un piano di lavoro miscelate la farina al sale, aggiungete i due cucchiai di olio e.v.o., il cacao, i gherigli di noce spezzettati, l'uva ben strizzata e il lievito.
  4. Iniziate ad impastare e gradualmente unite l'acqua ( se avete un termometro da cucina considerate che la temperatura idonea dell'acqua deve essere di 25° )
  5. Impastate fino a quando l'impasto sarà liscio ed omogeneo, dopo di che trasferitelo in una ciotola oliata e coprite con un panno umido. Lasciate lievitare fino al raddoppio.
  6. A lievitazione avvenuta trasferite il vostro impasto sul piano di lavoro infarinato, sgonfiate leggermente e dategli la forma che desiderate.
  7. Trasferite su una placca rivestita con carta da forno e coprite per l'ultima lievitazione.
  8. Cuocete in forno preriscaldato a 230° C per i primi 15 minuti, abbassate poi a 180° C per altri 30/35 minuti circa.
  9. Sfornate e fate raffreddare su una griglia.
  10. E' ovvio che i tempi di lievitazione saranno variabili in base alla temperatura esterna ( quella ideale è di circa 28° C che possiamo raggiungere nel forno con luce accesa) e quelli di cottura in base alla pezzatura e al tipo di forno.
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/