Limone e Liquirizia

Hamburger di Quinoa con Patate e Carote

Hamburger di Quinoa con Patate e Carote
Parliamo quindi della quinoa; una pianta erbacea che produce una spiga, ricca di semi rotondi, simili a quelli del miglio. I semi, sottoposti a macinazione, forniscono una farina contenente prevalentemente amido, il che consente a questa pianta di essere classificata merceologicamente come cereale. Ha un alto contenuto proteico, è ricchissima di betaina ( una sostanza che si estrae dalla barbabietola da zucchero e che ha la capacità di disintossicare il fegato ) ed è totalmente priva di glutine, quindi adatta ai celiaci. I semi di quinoa vengono solitamente consumati per cucinare minestre o risotti, la farina invece è indicata per tutti gli utilizzi normali come dolci, pane, pasta. In questa ricetta ho voluto utilizzare la quinoa per realizzare degli hamburger vegetariani. E ora che ci penso mi rendo conto di quanto questo piatto possa essere gustato davvero da tutti. Non solo è adatto ai celiaci perché privo di glutine, ma anche appetitoso per vegetariani, vegani, intolleranti all'uovo e ai latticini, per i bambini o per gli adulti. Accompagnato da una fresca e leggera insalata, diventa un piatto unico e completo.
Write a review
Print
Ingredienti per 6 Hamburger
  1. 125 g di Quinoa
  2. 250 ml di Acqua
  3. 280 g di Patate
  4. 200 g di Carote
  5. 1 Spicchio di Aglio
  6. 2 Rametti di Rosmarino
  7. Scorza Grattugiata di 1/2 Limone non Trattato
  8. Q.b. di Brodo Vegetale
  9. Q.b. di Pan Grattato
  10. Q.b. di Timo Fresco
  11. Q.b. di Olio e.v.o
  12. Q.b. di Sale e Pepe
Procedimento
  1. Lavate le Patate per eliminare il terriccio residuo e assicuratevi di aver tolto i tuberi inverditi visto che contengono un alcaloide tossico per l'essere umano. Cercate di utilizzare tuberi della stessa grandezza altrimenti la cottura non risulterà uniforme. Immergete le patate in un tegame capiente pieno d’acqua fredda e leggermente salata. Portate a bollore rapidamente per poi abbassare la fiamma e sbollentate per qualche minuto.
  2. Scolate e pelatele. Tagliatele ora a piccoli cubetti e trasferite in una padella con un filo di olio, lo spicchio di aglio in camicia e un rametto di rosmarino. Portate a cottura e aggiustate di sale se necessario.
  3. Nel frattempo private le carote della parte superficiale con un pelapatate. Tagliate poi le estremità e lavatele acccuratamente sotto il getto dell’acqua corrente per eliminare eventuali residui di buccia e altre impurità. Riducete anche esse a piccoli cubetti e cuocete in padella con olio, sale e pepe. Oppure se preferite potete cuocerle a vapore o lessarle.
  4. Occupatevi ora della quinoa; sciacquatela e fatela tostare per qualche minuto in una padella dove avrete scaldato dell'olio. Coprite con l'acqua e, mescolando con un cucchiaio di legno, fate cuocere fino a quando l'acqua sarà stata assorbita completamente. Trasferite in un bicchiere da mixer, unite il timo con il rosmarino restante tritati finemente, la scorza del limone grattugiata e condite di sale e pepe. Versando poco alla volta del brodo vegetale e con l'aiuto del frullatore ad immersione riducete in un composto piuttosto duro e consistente. Aggiungete le patate con le carote e amalgamate bene tutti gli ingredienti. Con i palmi delle mani leggermente bagnati, formate i vostri hamburger, passateli nel pan grattato, facendolo aderire bene e adagiate su una placca rivestita di carta forno. Infornate a 240°C fino a completa doratura. Sfornate e servite.
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/

Rose Del Deserto ai Mirtilli Rossi

Rose del Deserto ai Mirtilli Rossi
Tutti conosciamo i famosi biscotti le Rose del Deserto. Non hanno bisogno di presentazione ma sono dei morbidi e profumati biscotti con una nota di croccantezza grazie ai Fiocchi di Mais con i quali vengono ricoperti. Si chiamano in questo modo perché con la loro forma ricordano una formazione sedimentaria dei paesi desertici. Di questi biscotti ne esistono di mille ricette, io ho seguito il mio istinto ed ho cercato di renderli più appetitosi anche grazie all'aggiunta dei mirtilli rossi. Nella ricetta, tra gli altri ingredienti, troverete lo xantano, che vi permetterà di non far allargare i vostri biscotti durante la cottura. E' facilmente reperibile nei negozi o nelle farmacie dove vendono prodotti glutine free, ma se aveste problemi nel reperirlo, potete evitare di inserirlo e limitare questo processo facendo riposare il composto per almeno due ore in frigorifero. Il giorno seguente saranno ancora più buoni.
Write a review
Print
Ingredienti per circa 40 pz
  1. 2 Uova Intere
  2. 240 g di Zucchero Semolato
  3. 100 g di Burro
  4. 370 g di Farina 00
  5. 8 g di Lievito per Dolci
  6. 210 g di Mirtilli Rossi Essiccati
  7. 1 Albume
  8. 200 g di Corn Flakes ( fiocchi di mais )
  9. 2 g di Xantano
Procedimento
  1. Sciogliete il Burro a bagnomaria o al microonde e fate raffreddare.
  2. In una ciotola unite le uova con lo zucchero e con una frusta elettrica montate fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Continuando a montare aggiungete a filo il burro.
  3. Miscelate la farina con il lievito e lo xantano, passate al setaccio e incorporate al composto. Mescolate con un cucchiaio per amalgamare bene gli ingredienti. Unite ora 70 g di mirtilli rossi e l'albume montato a neve.
  4. In una piccola ciotola miscelate i corn flakes ai restanti mirtilli.
  5. Aiutandovi con le mani leggermente bagnate, formate delle palline e fatele rotolare nel composto di fiocchi di mais e mirtilli.
  6. Adagiate su una placca rivestita di carta forno e infornate a 180°C in forno preriscaldato per circa 20 minuti.
  7. Sfornate e fate raffreddare.
  8. Potete mantenerli in un contenitore chiuso ermeticamente.
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/

Riso Thai con Verdure Croccanti, Pollo e Anacardi

Riso Thai con Verdure Croccanti, Pollo e Anacardi
Amo il Riso, di ogni tipologia e con qualsiasi ingrediente esso sia abbinato. Non nego però che di tutte le varietà prediligo il riso Thai. Noto anche come riso Jasmine, è una varietà di riso originaria della Thailandia, alimento importantissimo per questa civiltà, poiché si tratta di una pietanza sempre presente in tavola, sia come contorno che come primo, naturalmente condito nei più svariati modi. Tutti lo conosciamo e lo associamo alla ricetta del riso alla cantonese. Ho voluto invece realizzarlo in questo piatto come idea di una unica e sola portata, quindi andando ad aggiungere non solo le verdure ma anche della carne bianca come il pollo e degli anacardi per un tocco più orientale. E' piaciuto davvero a tutti.
Write a review
Print
Ingredienti per 6 ps
  1. 320 g di Riso Jasmine o Basmati di ottima qualità
  2. 480 g di Acqua
  3. 300 g di Piselli Surgelati
  4. 100 g di Anacardi al Naturale
  5. 280 g di Petto di Pollo
  6. 300 g di Carote
  7. 150 g di Cipolla Rossa
  8. 300 g di Funghi Champignon
  9. 1 Spicchio di Aglio
  10. Q.b. di Vino Bianco Secco
  11. Q.b. di Brodo Vegetale
  12. Q.b. di Olio e.v.o
  13. Q.b. di Olio di Arachidi
  14. Q.b. di Sale
Procedimento
  1. Sciacquate velocemente il riso sotto acqua fredda corrente fino ad avere l'acqua trasparente o quasi. Cercate di non impiegare troppo tempo altrimenti i chicchi assorbono l'acqua. Una volta sciacquati versateli in una pentola, aggiungete l'acqua e mettete sul fuoco a fiamma viva, coprendo la pentola con un coperchio che aderisca bene. Non salate. Non appena l'acqua comincia a bollire, abbassate la fiamma al minimo e attendete che il riso abbia assorbito tutta l'acqua (ci vogliono all'incirca 10-12 minuti). A questo punto togliete dal fuoco, trasferite il riso in un contenitore di vetro e mettetelo da parte fino a quando sarà ora di utilizzarlo; 8/10 ore dopo.
  2. Nel frattempo in un pentolino portate a bollore del brodo vegetale, tuffate all'interno i piselli surgelati con le carote mondate e tagliate a piccoli cubetti. Fate andare su fuoco medio e cinque minuti prima della cottura finale aggiungete la cipolla rossa tagliata anche essa a cubetti. Quando le verdure saranno cotte, scolate e trasferite in una ciotola con acqua fredda e ghiaccio per bloccare la cottura e mantenere belli vivi i colori. Lasciate riposare per qualche minuto, togliete dall'acqua e mettete ad asciugare su carta da cucina.
  3. Nel frattempo scaldate una griglia. Massaggiate il vostro pollo con olio di oliva e cuocete. Una volta pronto tagliatelo a piccole listarelle.
  4. Occupatevi ora dei funghi: Tagliate la parte inferiore del gambo e tirate via la pellicina del cappello. Eliminate gli ultimi granelli di terriccio e di sporco, strofinando leggermente i funghi, uno alla volta, con un panno pulito e umido. Adagiateli su una padella con un filo di olio e uno spicchio di aglio in camicia. Salate e portate a cottura sfumando dopo qualche minuto con del vino bianco.
  5. In un wok versate un paio di cucchiai di olio di semi di arachidi, fatelo scaldare e tuffatevi i piselli, le carote, la cipolla e gli anacardi. Fateli andare fino a quando avranno i segni della rosolatura.
  6. Fuori dal fuoco miscelate le verdure ai funghi, alla carne e al riso. Scaldate nuovamente un wow con 3/4 cucchiai di olio di arachidi, e quando sarà caldissimo mettete all'interno il vostro riso che dovrà friggere e sfrigolare. Non cuocete troppe porzioni insieme altrimenti il riso sottostante friggerà adeguatamente, mentre quello in superficie no. Aggiungete ora il sale e mescolando di tanto in tanto lasciate andare fino a quando i chicchi di riso saranno ben tostati. Servite caldo
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/

Muffin Salati con Fave, Salamino e Semi di Papavero

Muffin Salati con Fave, Salamino e Semi di Papavero
Soffici, saporiti e fragranti, questi muffin salati vi conquisteranno al primo morso. Ideali per un buffet, un'aperitivo o come antipasto da abbinare a salumi o formaggi. L'impasto base è facile e veloce da preparare, poi largo alla vostra fantasia nell'aggiunta di altri ingredienti o farciture. La mia versione è con fave, salame e pecorino. Straordinariamente buono.
Write a review
Print
Ingredienti per 8 Muffin
  1. 180 g di Farina 00
  2. 150 g di Uova Intere
  3. 100 g di Latte Parzialmente Scremato
  4. 100 g di Olio di Girasole
  5. 100 g di Pecorino Fresco Grattugiato
  6. 1 Bustina di Lievito Istantaneo
  7. 180 g di Fave Surgelate
  8. 70 g di Salamino Stagionato
  9. 1/2 Cucchiaio di Semi di Papavero
  10. N° 8 Pomodori Pachino
  11. Q.b. di Sale
  12. Q.b. di Olio e.v.o.
Procedimento
  1. In un tegame portate a bollore abbondante acqua, tuffate le fave e portate a cottura. Scolate, fate leggermente raffreddare ed elimina la pellicina che le riveste. Lasciate da parte.
  2. Nel frattempo tagliate il salamino a piccoli cubetti.
  3. In una ciotola sbattete le uova con l'olio di girasole e il latte. Aggiungete la farina precedentemente setacciata, il pecorino grattugiato e il lievito. Salate e mescolate.
  4. Incorporate ora le fave, i cubetti di salame e i semi di papavero. Miscelate fino ad amalgamare tutti gli ingredienti.
  5. Con un filo di olio ungete per bene il fondo e i bordi dei vostri stampini in alluminio, quindi versate all'interno il composto, fino ad arrivare a 10 mm dal bordo e sistemate al centro di ognuno un pomodorino con il picciolo.
  6. Infornate a 180°C per circa 40/45 minuti. Sfornate, fate raffreddare completamente e passate la lama di un coltello lungo i bordi prima di sollevarli dai stampini.
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/

Mandorle Salate

Mandorle Salate
Ottime per accompagnare un'aperitivo o come stuzzichino durante la giornata. Potete personalizzarle aggiungendo spezie o aromi, come paprika, curry o peperoncino. Si mantengono a lungo, basta riporle in un barattolo o in un sacchetto.
Write a review
Print
Ingredienti
  1. 250 g di Mandorle Pelate
  2. 12 g di Sale Fino
  3. 15 g di Albume
Procedimento
  1. In una ciotola unite le mandorle pelate con il sale e l'albume. Mescolate bene.
  2. Rivestite una placca con carta forno, versate sopra le mandorle cercando di allargarle senza sovrapporle e infornate a 150°C in forno statico e preriscaldato.
  3. Giratele di tanto in tanto e fate tostare per circa 20 minuti o comunque fino a doratura.
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/