Limone e Liquirizia

Bok Choi al Salto

Bok Choi al Salto
Il Cavolo cinese bianco, noto col nome comune di bok choi, è ormai arrivato da qualche anno sulle nostre tavole. In molti lo adorano, per il suo sapore delicato, per il facile utilizzo in cucina e per le sue propietà nutrizionali. Ha foglie carnose e croccanti, di colore verde scuro, un profumo piacevole, e un sapore fresco, con note di senape, che ricorda quello delle bietole, ma più succulento. Dal punto di vista nutrizionale si contraddistingue per l’alta concentrazione di vitamine, sali minerali, calcio e fosforo, fibre e proteine, inoltre può vantare, a differenza degli altri tipi di cavolo, una maggiore concentrazione di polifenoli, antiossidanti e caroteni. Quindi un alimento dal notevole potere antinfiammatorio. Il bok choi richiede una cottura velocissima che non ne alteri le propietà, in alternativa, si possono consumare le foglie ( molto tenere e meno coriacee dei gambi ) anche crude, aggiungendole alle insalate.
Write a review
Print
Ingredienti per 2 ps
  1. 700 g di Bok Choi
  2. 2 Spicchi di Aglio
  3. 1 Cucchiaino di Olio di Sesamo
  4. 1 Cucchiaio di Olio di Arachidi
  5. 1 Cucchiaio di Salsa di Soia
  6. 2 Cucchiai di Brodo Vegetale o Acqua Calda
  7. Q.b. di Semi di Sesamo
  8. Q.b. di Sale
Procedimento
  1. Tagliate a circa 2 cm la base del cavolo e gettatela via, fate lo stesso con le foglie esterne scolorite e troppo dure. Tagliate ora il gambo a metà in senso longitudinale e lavate il cavolo in acqua fredda. Scolate e affettate a piccoli pezzi.
  2. In una piccola padella versate i semi di sesamo e fateli tostare.
  3. Prendete un wow, fate scaldare e versate gli olii, quando stanno per fumare aggiungete i spicchi di aglio in camicia. Lasciate andare per qualche secondo e poi aggiungete il cavalo, saltate per 3-4 minuti finché non comincerà ad appassire. Unite il brodo, la sala di soia e condite di sale. Fate saltare ancora per un paio di minuti, finché la verdura risulterà cotta ma ancora croccante.
  4. Servite con una spolverata di semi di sesamo tostati.
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/

Cestini di Polenta con Funghi e Taleggio

Cestini di Polenta con Funghi e Taleggio
Sfiziosi e gustosi questi cestini di polenta che oggi ho portato sulla mia tavola. Molti di voi sanno quanto amo la natura e i frutti che ci dona, così quando è il loro tempo vado a raccogliere funghi, asparagi, erbette campagnole ecc...ecc...Naturalmente non possono essere consumate tutte insieme, quindi molto spesso congelo. In questo caso ho utilizzato dei funghi pioppini trovati in una delle mie passeggiate ma essendo poco reperibili, potete tranquillamente utilizzarne degli altri, come porcini o champignon. Dipende dal vostro gusto.
Write a review
Print
Ingredienti per 6 Cestini
  1. 190 g di Polenta Precotta
  2. 350 g di Funghi ( Pioppini, Porcini, Champignon )
  3. 190 g di Taleggio
  4. 1 Spicchio di Aglio in Camicia
  5. Q.b. di Prezzemolo
  6. Q.b. di Olio e.v.o
  7. Q.b. di Sale e Pepe
Procedimento
  1. Cuocete la Polenta seguendo la quantità di acqua e il tempo riportato sulla confezione; In una pentola portate a bollore l'acqua, aggiungete il sale e un cucchiaio di olio. Quindi versate a pioggia la farina di mais mescolando con una frusta per evitare la formazione di grumi. Abbassate il fuoco e portate a cottura continuando a mescolare.
  2. Non appena la polenta sarà pronta, prelevatela con un cucchiaio e riempite degli stampini in alluminio da muffin precedentemente oliati. Coprite con pellicola e fate riposare in frigo per almeno sei ore, fino a quando si sarà solidificata per bene.
  3. Nel frattempo pulite e mondate i funghi. In una padella versate un filo di olio e lo spicchio di aglio in camicia. Fate scaldare leggermente per poi unire i funghi tagliati a piccoli pezzetti. Condite di sale e pepe, coprite con un coperchio e portate a cottura, solo alla fine aggiungete del prezzemolo tritato finemente.
  4. Trascorso il tempo, prendete i vostri cestini di polenta e aiutandovi con un cucchiaio bagnato, scavate l'interno.
  5. Tagliate a piccoli cubetti il taleggio e unitelo ai funghi ormai freddi. Riempite i cestini e adagiate su una placca rivestita di carta forno. Infornate in forno preriscaldato a 220°C per circa 20/25 minuti. Sfornate e cospargete la superficie con dell'altro prezzemolo. Servite subito.
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/

Biscotti Saraceni al Cremino di Nocciola del Maestro Luca Montersino

Biscotti Saraceni al Cremino di Nocciola del Maestro Luca Montersino
Ringrazio il Maestro Luca Montersino per averci regalato questa straordinaria ricetta tratta da un suo grande lavoro, dove la pasticceria salutistica era sinonimo di bontà e golosità. In questi biscotti troverete infatti la qualità e la naturalezza in ogni singolo prodotto che viene utilizzato. Vi assicuro che a livello di piccola pasticceria è uno dei biscotti più buoni che io abbia mai mangiato.
Write a review
Print
Ingredienti per circa 70 pz
Ingredienti per la Frolla
  1. 350 g di Zucchero di Canna Scuro
  2. 150 g di Nocciole Tostate
  3. 210 g di Mandorle non Pelate
  4. 150 g di Farina di Grano Saraceno
  5. 225 g di Farina di Riso
  6. 300 g di Burro
  7. 45 g di Uova
Ingredienti per il Cremino alla Nocciola
  1. 900 g di Cioccolato Bianco
  2. 450 g di Cioccolato al Latte
  3. 360 g di Pasta di Nocciole
  4. 180 g di Burro di Cacao o Burro Chiarificato
Ingredienti per la Finitura
  1. 90 g di Cru di Cacao in Granella ( Fave di Cacao Tostate, tolte della pellicina che le ricopre e ridotte in granella )
  2. 60 g di Nocciole Tostate in Granella
Procedimento
  1. Riducete in polvere le nocciole tostate, le mandorle non pelate, lo zucchero di canna e le due farine, fino a ottenere una miscela omogenea. Trasferite in una planetaria o su di un piano da lavoro. Unite il burro ammorbidito e quando avrete ottenuto un composto sabbioso aggiungete le uova. Avvolgete l'impasto nella pellicola e fate riposare in frigo per almeno 2 ore.
  2. Trascorso il tempo, stendetelo fino a ottenere una sfoglia dello spessore di un centimetro. Ricavate tanti dischetti della stessa misura degli stampini in silicone, che utilizzerete per la cottura. Inserite ogni dischetto nello stampo e cuocete in forno preriscaldato a 150°C per circa 15 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare negli stampi.
  3. Nel frattempo occupatevi del cremino; In una ciotola unite i due tipi di cioccolato e fate sciogliere nel microonde o a bagnomaria. Aggiungete prima la pasta di nocciole e miscelate quindi velocemente con una frusta e poi il burro di cacao o il burro chiarificato. Continuate a mescolare fino a completo assorbimento degli ingredienti. Lasciate raffreddare il composto fino a raggiungere la temperatura di 23°C. Colate il cremino sopra i biscotti ormai raffreddati e spolverizzate la superficie con il cru di cacao e le nocciole in granella. Riponete i stampini in frigorifero fino a quando non si saranno completamente solidificati.
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/

Insalata di Cavolo Cappuccino con Mele Fuji, Nocciole Tostate, Carote, Uvetta e Semi di Papavero

Insalata di Cavolo Cappuccino con Mele Fuji, Nocciole Tostate, Carote, Uvetta e Semi di Papavero
Era nella mia mente da diversi giorni. Nell'orto il cavolo in questo periodo abbonda e cercavo un modo diverso di mangiarlo. Gli ingredienti che avevo pensato li vedevo particolarmente bene insieme e ora che l' assaggio mi rendo conto non solo di quanto sia gustosa ma anche di quanto possa essere perfetta per la cena della Vigilia da accompagnare ad un ottimo secondo piatto di pesce. C'è la bontà del cavolo cappuccino tagliato finemente, la freschezza della mela Fuji, la croccantezza delle nocciole tostate, la dolcezza della carota e dell'uva sultanina, l' acidità dell' aceto di mele, e il colore dei semi di papavero. Olio, sale e tanta sinfonia per il nostro palato.
Write a review
Print
Ingredienti per 6 Ps
  1. 300 g di Cavolo Cappuccino
  2. 200 g di Mele Fuji non Trattate
  3. 40 g di Nocciole Tostate
  4. 50 g di Carote
  5. 50 g di Uva Sultanina
  6. 7 g di Semi di Papavero
  7. Q.b. di Aceto di Mele
  8. Q.b. di Olio e.v.o
  9. Q.b. di Sale
Procedimento
  1. Lavate e mondate il cavolo cappuccino con le carote. Nel frattempo fate reidratare l'uvetta sultanina in acqua fredda.
  2. Tagliate sottilmente il cavolo e le carote a piccole striscione, riunite in una ciotola capiente ed unite le nocciole tostate e i semi di papavero.
  3. Lavate la mela, tagliate prima a spicchi e poi anch'esse a piccole fettine.
  4. Aggiungete quindi alla vostra insalata le mele e l'uvetta scolata e strizzata accuratamente.
  5. Condite con aceto di mele, olio e sale. Servite immediatamente
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/

Brutti e Buoni

Brutti e Buoni
I Brutti e Buoni soprannominati anche Brutti ma Buoni, sono dei dolcetti dall'origine contesa: alcuni sostengono essere originari della località lombarda di Gavirate , in cui si presume che nacquero nel 1878, altri ritengono invece che questo prodotto dolciario abbia origine nella città piemontese di Borgomanero. Ma ciò non toglie la bontà di questi dolcetti che all'apparenza ingannerebbero chiunque. La ricetta originale prevede l'utilizzo di albumi e nocciole, oggi si trovano mille varianti in cui altra frutta secca come mandorle e aromi come vaniglia vengono utilizzati nella loro lavorazione. Io preferisco i classici. La tradizione vuole che siano preparati soprattutto nel periodo Natalizio, anche per essere regalati come piccoli doni augurali ai nostri amici o persone care. Basta semplicemente confezionarli in un sacchetto, in un bel barattolo di vetro o una scatola di latta o cartone che sia. Se chiusi e non a contatto con l'aria, questi biscotti si mantengono per lunghi giorni.
Write a review
Print
Ingredienti per circa 40 pz
  1. 500 g di Nocciole Tostate
  2. 330 g di Zucchero Semolato
  3. 120 g di Albume a Temperatura Ambiente
  4. Un Pizzico di Sale
Procedimento
  1. Tritate le nocciole tostate al mixer in modo grossolano.
  2. In una ciotola versate gli albumi a temperatura ambiente con il pizzico di sale, quindi montate a neve.
  3. Aggiungete gradualmente lo zucchero e continuate a montare fino a quando non otterrete una meringa bella soda e compatta.
  4. Unite le nocciole e amalgamate al composto mescolando delicatamente con un cucchiaio di legno con movimenti dal basso verso l'alto.
  5. Trasferite il composto in una pentola dal fondo spesso e mettete sul fuoco. Girando continuamente cuocete a fiamma bassa fino a quando il composto non risulterà tiepido al vostro tatto.
  6. A questo punto togliete dalla fiamma, versate su di un piano da lavoro e con l'aiuto di un cucchiaio distribuite il composto a cucchiaiate su una teglia rivestita di carta forno.
  7. Infornate i vostri brutti ma buoni, in forno preriscaldato a 150°C per circa 25 minuti o comunque fino a quando non avranno raggiunto un colore leggermente dorato. Sfornate e fate raffreddare completamente prima di servire.
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/