Limone e Liquirizia

Tonnarelli su Crema di Piselli e Porri con Briciole di Olive Nere al Profumo di Limone

Tonnarelli su Crema di Piselli e Porri con Briciole di Olive Nere al Profumo di Limone
Armonia, sinfonia...così vorrei descrivere questo primo piatto. Quando assapori il cibo e in bocca tutto combacia, quando la cottura di ogni singolo ingrediente è perfetta, quando al loro incontro il tuo palato riesce a distinguere ogni singolo sapore e alla fine del boccone resta una sensazione di Armonia, allora ecco che hai realizzato ciò che immaginavi, ciò che desideravi. Non hai creato nulla di particolare, ne usato chissà quale ingrediente ricercato ma lo osservi, lo mangi e capisci quanto tu possa amare la cucina. Lo capisci perché finisci un piatto e hai subito voglia di ricominciare con uno nuovo.
Write a review
Print
Ingredienti per 4 ps
  1. 450 g di Tonnarelli all'Uovo
  2. 40 g di Porro
  3. 200 g di Pisellini Freschi o Surgelati
  4. 40 g di Olive Nere Denocciolate
  5. 100 g di Pomodori Datterini
  6. Scorza Grattugiata di 1 Piccolo Limone
  7. 1 Lt. Circa di Brodo Vegetale
  8. Q.b. di Sale e Pepe
  9. Q.b. di Olio e.v.o
  10. Qualche Fogliolina di Basilico
Procedimento
  1. Prendete le olive e tritatele finemente, adagiatele su una placca rivestita di carta forno e infornate in forno preriscaldato a 100°C per circa 1 ora.
  2. Nel frattempo in una pentola portate a bollore il Brodo Vegetale. Mondate e lavate il porro con i piselli, se state utilizzando quelli freschi. Raggiunto il bollore, tuffate le verdure e portate a cottura. Trascorso il tempo, scolate e immergete in una ciotola con acqua fredda e ghiaccio. Questo vi permetterà non solo di bloccare la cottura dei vegetali ma anche di ottenere un colore finale vivo e acceso. Scolate di nuovo e trasferite in un bicchiere da mixer, condite di olio, sale e pepe. Frullate fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea, aggiungendo qualche cucchiaio del brodo di cottura se necessario.
  3. Cuocete i Tonnarelli al dente in abbondante acqua salata, scolateli e versateli in una padella con qualche cucchiaio di olio e i pomodori datterini precedentemente lavati, tagliati a cubetti e privati della polpa con i semi interni. Ripassateli per circa 3/4 minuti, unendo qualche cucchiaio di acqua di cottura e aggiustate di sale se necessario.
  4. Preparate i piatti per i vostri commensali: adagiate sul fondo un po' della crema di piselli e porri, trasferite sopra i vostri tonnarelli, cospargete con le briciole di olive, la scorza grattugiata del limone, un filo di olio a crudo e decorate con qualche fogliolina di basilico.
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/

Tortelloni in Brodo

Primi Piatti | 13 dicembre 2017 | By

Tortelloni in Brodo
Ci sono ingredienti che sono appositamente nati per essere uniti. Insieme riescono a creare qualcosa di straordinariamente meraviglioso ed equilibrato. E se poi aggiungiamo ingredienti non materiali, come la gioia di creare qualcosa per chi amiamo, la soddisfazione nel vedere realizzare un piatto e l’amore per ciò che facciamo, ecco che questo connubio apre la nostra anima e quella dei nostri cari. Qui il tortellino acquista una diversa forma e spessore. Una sfoglia più corposa e un formato più grande, ecco perché il nome di Tortellone. Ma voi amici potete realizzarli a vostro gradimento, magari piccoli, sottili e con un ripieno leggermente diverso come i veri e classici tortellini Emiliani. Nella nostra Famiglia è un piatto natalizio d’obbligo.
Write a review
Print
Ingredienti per 4 Ps
Per la Sfoglia
  1. 300 g di Farina Tipo 1
  2. 3 Uova Intere
Per il Brodo di Carne
  1. 350 g di Manzo per Bollito
  2. 200 g di Biancostato di Pancia
  3. 2 Ossi di Manzo
  4. 1 Carota
  5. 1 Cipolla Dorata
  6. 1 Gambo di Sedano
  7. 4 Gambi di Prezzemolo
  8. Q.b. di Sale Grosso
  9. Q.b. di Olio e.v.o
  10. Qualche Grano di Pepe Nero
Per il Ripieno
  1. 150 g di Lonza di Maiale
  2. 150 g di Polpa di Vitella
  3. 100 g di Petto di Tacchino
  4. 50 g di Prosciutto Crudo
  5. 40 g di Parmigiano Grattugiato
  6. 1 Uovo Intero
  7. ½ Carota
  8. ½ Cipolla Dorata
  9. 1 Gambo di Sedano
  10. Q.b. di Sale e Pepe
  11. Q.b. di Noce Moscata
  12. Vino Bianco per Sfumare
  13. Q.b. di Brodo di Carne
  14. Q.b. di Olio e.v.o
Come Realizzare il Brodo di Carne
  1. Lavate e mondate il prezzemolo, la carota e il sedano. Tagliateli a pezzi e mettete le verdure in una pentola. Unite la cipolla sbucciata e steccata con i grani di pepe e un filo di olio.
  2. Lavate la carne, asciugatela e inseritela nella pentola con le verdure e gli ossi di manzo. Coprite con abbondante acqua fredda e fate cuocere a fiamma media fino a ridurre il brodo della metà. A questo punto aggiungete un altro litro di acqua calda, abbassate la fiamma e fate cuocere per circa 2 ore. Il brodo durante la cottura deve essere coperto per 2/3 della pentola e schiumato spesso con l’aiuto di un mestolo forato al fine di renderlo bello limpido. Quasi a fine cottura assaggiate il brodo e se necessario aggiungete del sale grosso. Spegnete la fiamma e con un mestolo scolate le verdure con le carni che potrete mangiare o utilizzare per altre preparazioni. Con un colino filtrate il brodo.
Come Realizzare il Ripieno
  1. Lavate la carne, asciugatela e tagliate a bocconcini. Lavate e mondate la carota, il sedano e la cipolla. Riducete le verdure in un trito e unitele alla carne in una pentola antiaderente. Aggiungete un filo di olio e condite di sale e pepe. Coprite e cuocete su fiamma media, fate rosolare e sfumate con del vino bianco. Portate a cottura aggiungendo poco alla volta del brodo di carne se necessario.
  2. Trasferite il composto in un robot da cucina, unite il prosciutto tagliato a piccoli cubetti e tritate insieme. Fate ora raffreddare il ripieno, unite le uova sbattute, il parmigiano grattugiato e la noce moscata. Mescolate accuratamente al fine di miscelare bene tutti gli ingredienti. Aggiustate di sale se necessario.
Come Realizzare i Tortelloni
  1. Si consiglia di effettuare la lavorazione della pasta su di un piano da lavoro ruvido, quindi in legno. Setacciate e disponete la farina a fontana sulla spianatoia, quindi sgusciatevi al centro le uova, che dovranno essere freschissime e a temperatura ambiente. Sbattete le uova aiutandovi con una forchetta, quindi, con la punta delle dita, iniziate a lavorare l’impasto prendendo man mano la farina dai bordi per portarla verso l’interno. Continuate a lavorare gli ingredienti fino a quando si saranno incorporati totalmente e l’impasto inizierà a prendere consistenza. Lavoratelo a piene mani tirandolo avanti e indietro e sbattendolo sulla spianatoia, che deve essere sempre ben infarinata.
  2. L’impasto va lavorato abbastanza velocemente e con energia, questo meccanismo sviluppa il glutine, che è fondamentale per la consistenza finale dell’impasto. Raccoglietelo formando una palla e avvolgetelo nella pellicola, facendolo riposare per almeno mezz’ora in un luogo fresco e asciutto. Il riposo non solo serve a legare tra loro gli ingredienti ma anche a dare la giusta elasticità alla massa che altrimenti la farebbe ritirare al momento di stenderla.
  3. Trascorso il tempo, riprendete il panetto, adagiate sul piano di lavoro ben infarinato e appiattitelo leggermente con le mani.
  4. Le tecniche per tirare la sfoglia sono due; il metodo classico che è quello di tirarla a mano con il mattarello o il metodo più semplice e veloce che consiste nell’utilizzare l’apposita macchinetta.
  5. Nel primo caso, schiacciate il panetto con il mattarello e stendete la pasta facendolo scorrere in tutte le direzioni dal centro verso l’esterno premendo con i palmi. All’occorrenza infarinate la sfoglia per non farla attaccare al mattarello, fino a raggiungere lo spessore desiderato che varia a secondo dei gusti.
  6. Qualora utilizziate la macchinetta, prendete una parte di pasta dal panetto, infarinatela e appiattitela leggermente con le mani. Passatela ora nella macchinetta iniziando dallo spessore maggiore e diminuendo pian piano fino a raggiungere quello desiderato. Per ogni passaggio è necessario prendere la sfoglia da un lembo, ripiegarla verso il centro e fare la la stessa cosa con l’altro.
  7. Con un coppa pasta formate ora tanti dischi della grandezza prescelta, sistemate il ripieno al centro di ogni disco e con l’indice bagnato, inumidite il bordo di pasta. Ripiegate il disco a metà su se stesso e premendo con i polpastrelli sigillate bene i bordi. Unite poi le estremità intorno a un dito della mano. Fate attenzione a non far rimanere dell’aria all’interno del tortello, questo perché in cottura tenderà a gonfiarsi e a dilatarsi, per poi afflosciarsi al cuore, una volta scolatoa. Nel realizzarli adagiateli su vassoi infarinati.
  8. Tuffateli nel brodo di carne portato a bollore, cuocete e servite immediatamente.
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/

Insalata di Farro Freddo

Finger Food, Primi Piatti | 14 giugno 2017 | By

 

Insalata di Farro Freddo
Annoverato tra i cereali più antichi il farro dà vita a tanti primi piatti. Solitamente lo troviamo nelle minestre o nelle zuppe da gustare nelle giornate fredde. In questo caso si trasforma in un primo piatto estivo ed originale. Abbinato al dolce del pachino e all'amaro della rucola abbiamo un gusto sorprendente. La ricotta salata poi non è altro che la ciliegina sulla torta. Potete prepararlo anche il giorno prima, in questo modo gli ingredienti si amalgameranno alla perfezione.
Write a review
Print
Ingredienti per 6 ps
  1. 300 g di Farro Perlato
  2. 550 g di Pomodori Pachino
  3. 100 g di Tonno Sott'Olio
  4. 70 g di Rucola
  5. Q.b. di Ricotta Salata
  6. Q.b. di Olio e.v.o, Sale, Aceto Balsamico
Procedimento
  1. Lavate il Farro e cuocete in abbondante acqua salata portata a bollore. Scolate, trasferite in una ciotola capiente e condite con olio. Girando di tanto in tanto lasciatelo raffreddare completamente.
  2. Nel frattempo lavate i pomodori pachino, togliete il picciolo e su di un piano da lavoro tagliateli in quattro parti nel senso della lunghezza.
  3. Sgocciolate il tonno dal propio olio di conservazione e aiutandovi con una forchetta sbriciolatelo finemente.
  4. Occupatevi ora della rucola: lavate, asciugate e tagliatela grossolanamente.
  5. Quando il farro sarà freddo, aggiungete i pomodori, il tonno e la rucola. Aggiungete dell'altro olio se necessario e aggiustate di sale.Coprite con pellicola e fate riposare in frigo per almeno tre/quattro ore.
  6. Al momento di servire condite con abbondante aceto balsamico e spolverizzate con della ricotta salata grattugiata .
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/

Gnocchetti Sardi con Crema di Zucchine, Robiola e Prosciutto Crudo

Primi Piatti | 5 giugno 2017 | By

 

Gnocchetti Sardi con Crema di Zucchine, Robiola e Prosciutto Crudo
I Malloreddus, definiti anche gnocchetti sardi è la pasta per eccellenza della regione Sardegna. Hanno la forma di conchiglia rigata e sono fatti con farina di semola e acqua.
Write a review
Print
Ingredienti ( per 4 ps )
  1. 400 g gnocchetti sardi
  2. 2 zucchine di media grandezza
  3. 170 g di robiola
  4. 50 g di prosciutto crudo
  5. 1 piccola cipolla
  6. Olio evo q.b
  7. Sale e Pepe q.b.
Preparazione
  1. Portate a bollore abbondante acqua salata.
  2. Versate un filo di olio evo in padella con la cipolla tritata finemente e fate appassire. Unite le zucchine precedentemente spuntate, lavate e tagliate a rondelle sottili, salate e pepate.
  3. A cottura lasciate da parte qualche pezzetto di zucchina per guarnire, portate il resto in un mixer e frullate fino ad ottenere una crema liscia e omogenea. Fate ora saltare in padella per un paio di minuti la crema di zucchine, 35 gr di prosciutto tagliato a dadini e la robiola.
  4. Cuocete la pasta, scolatela al dente e fate saltare nel condimento ottenuto per qualche secondo. Aggiungete se necessario qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta. Impiattate e servite con una spolverata di pepe e guarnite con i pezzettini di zucchine e il prosciutto lasciato da parte.
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/

Riso Ermes con Cipolla Caramellata, Radicchio e Noci

 

Riso Ermes con Cipolla Caramellata, Radicchio e Noci
Il Riso Ermes è un riso integrale aromatico. Ottenuto in Italia, mediante tecniche naturali, da un incrocio tra il riso venere e una varietà di riso a granello allungato. Dal colore rosso, privo di glutine e ricco di fibre, proteine, vitamine e sali minerali. Risulta essere molto digeribile e può essere utilizzato sia per piatti caldi, che freddi come insalate. Cotto, condito con un filo di olio e riposto in frigorifero si mantiene tranquillamente per tre giorni.
Write a review
Print
Ingredienti per 4 ps
  1. 400 g di Riso Rosso Ermes
  2. 260 g di Cipolle Rosse
  3. 2 Cucchiai di Zucchero di Canna
  4. 260 g di Radicchio Rosso di Treviso
  5. 50 g di Noci
  6. Q.b. di Sale e Pepe
  7. Q.b. di Olio e.v.o
Preparazione
  1. In una pentola dai bordi alti versate abbondante acqua fredda ( Le dosi consigliate sono quelle di utilizzare 4 volte l'acqua rispetto al peso del riso che si deve cucinare ). Coprite con un coperchio e portate ad ebollizione su fuoco vivo. Quando raggiunge il bollore versate del sale grosso e a seguire il riso precedentemente lavato. Portate a cottura calcolando un tempo necessario di circa 35 minuti.
  2. Nel frattempo sbucciate la cipolla e riducetela a fettine sottili. Versate in una padella con un filo di olio e fatela appassire fino a quando non risulterà trasparente. Aggiungete un pizzico di sale e lo zucchero di canna. Mescolate e fate caramellare.
  3. Occupatevi ora del radicchio; eliminate le foglie esterne più dure e rovinate, separatele e lavate accuratamente sotto acqua corrente. Asciugate delicatamente e con un coltello privatele della parte bianca più dura e tagliate sottilmente. Riducete anche le noci a pezzettini.
  4. Scolate il riso, trasferite su di un piatto da portata, aggiungete il radicchio e condite di olio e una macinata di pepe nero. Mescolate, adagiate sopra la cipolla caramellata e i gherigli di noci. Servite
Limone e Liquirizia http://www.limoneeliquirizia.net/